Servizi

08. Omesso versamento dell'assegno di mantenimento. Tutele, rimedi e conseguenze

Omesso versamento dell'assegno di mantenimento

Lo studio Legale Benvenuto, da anni, affronta le problematiche relative all'omesso versamento dell'assegno di mantenimento da parte del coniuge obbligato in favore dei figli o dell'altro coniuge economicamente più debole.

E' una condotta che spesso è comune a molte separazioni e riguarda quasi sempre le mogli che non ricevono per mesi le somme determinate dal magistrato a titolo di mantenimento anche per i figli e posta a carico del marito.

Il legislatore offre una serie di strumenti da attivare nei confronti del coniuge che si sottrae all’obbligo del versamento, sia dal punto di vista civilistico che penale e che andiamo ad analizzare.

Questi strumenti consentono di recuperare il credito in modo veloce e mettere in riga il coniuge obbligato.

Infatti, la sentenza di divorzio, il decreto di omologazione, oppure la sentenza di separazione rappresentano un titolo esecutivo e questo significa che si ha il diritto a percepire l’assegno di mantenimento, in base a quanto stabilito dal Giudice.

Sulla base di questo presupposto, il coniuge creditore può agire direttamente con un atto di precetto ed intimare il coniuge obbligato a pagare le somme dovute a titolo di mantenimento, per le mensilità non versate, entro 10 giorni dalla notifica dell'atto giudiziario.

L'Avv. Benvenuto, in primis, prima di redigere l'atto di precetto, valutati gli elementi e i presupposti, redige formale diffida ad adempiere, notificata  tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, nella quale si invita l’ex coniuge al pagamento delle somme in un termine stabilito.

Se questi non paga si ricorre all’esecuzione forzata sui beni del coniuge debitore:

  • pignoramento dei beni mobili o immobili (locali, abitazioni, terreni);

  • pignoramento presso terzi (stipendio, canoni di locazione…

Detto così, sembra che il problema sia immediatamente superabile. E ciò è verosimile quando l'ex coniuge obbligato abbia da perdere, ovvero sia dipendente e quindi percepisca uno stipendio, ovvero sia proprietario di beni mobili o immobili o abbia un conto in banca capiente o titoli e quant'altro.

Ma alcune volte non è così.

Infatti, non sono rari i casi in cui il coniuge obbligato non abbia nulla da perdere.

In questi lo Studio Legale Benvenuto, studia e valuta insieme al proprio assistito le possibilità di recupero del credito.

Tutela penale. L'omesso versamento dell'assegno di mantenimento è reato penale 

L'Art. 570 bis del Codice Penale, che ha integrato la già contemplata fattispecie di reato (con l'art. 570 c.p.),  prevede che il coniuge che si sottrae all'obbligo di corresponsione dell'assegno dovuto ai figli e all'ex coniuge è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

La nuova norma fa riferimento al reato di mancato mantenimento dei figli e del coniuge  ma anche alla violazione degli obblighi di natura economica in materia di separazione dei coniugi e di affidamento condiviso dei figli. Pertanto, bisogna fare attenzione. Di sicuro, il reato sarà perfezionato dal mancato versamento dell’assegno o dal suo pagamento parziale, ma non è questa la sola ipotesi.

Pensiamo alle spese straordinarie, che normalmente vengono previste a carico di entrambi i genitori con suddivisione al 50% o per altra percentuale.

Ebbene, il mancato rimborso della propria quota di spese straordinarie integrerà il reato. E questo perchè, appunto, la nuova norma contempla anche la “violazione degli obblighi di natura economica” relativi a separazione, divorzio e affidamento condiviso dei figli.

 

Poichè la denuncia penale per il reato punito dall’art. 570 bis c.p. potrà portare alla condanna penale del coniuge/genitore inadempiente, l’effetto più positivo di questa riforma va visto nella forza di convincimento a fare i bravi’ che la norma dovrebbe esercitare sugli obbligati all’assegno.

 

Studio Legale Benvenuto

Richiedi una consulenza e un preventivo

IRichiedi una consulenza, un preventivo o una informazione.

Contattaci